PiemonteFederazione Regionale

NON SPECULATE SUL DISAGIO SOCIALE!!!

Torino -

La seduta del Consiglio comunale del 21 novembre ha affrontato la questione delle palazzine ex MOI occupate, senza dare risposte convincenti e speculando sul disagio esistente nel quartiere.

A fronte del malessere esposto da Consiglieri leghisti, che gettano benzina sul fuoco ingigantendo i casi di microcriminalità addebitabili secondo loro agli occupanti delle palazzine, la Sindaca Chiara Appendino ha segnalato che sarà attivato a breve un censimento degli stessi per individuare gli aventi diritto ad abitare in quanto rifugiati politici. A questo dovrebbe poi seguire uno sgombero graduale delle palazzine, il tutto accompagnato da un incremento sul territorio delle forze dell’ordine.

 

L’attuale situazione, degenerata per via della mancanza di una strategia organica, non può essere superata con un colpo di spugna. Nessun abitante delle palazzine potrà accettare di essere censito da Operatori sociali accompagnati da Forze dell’Ordine, in assenza di una proposta abitativa dignitosa, avendo come unica prospettiva un suo spostamento forzato in centri di accoglienza o un suo altrettanto forzato rimpatrio.

 

USB, presente da sempre sul territorio e attiva nelle lotte dei migranti e dei rifugiati, non ritiene accettabile tale strategia, non essendo accompagnata da un progetto che individui una soluzione abitativa dignitosa, soprattutto nei confronti di centinaia di rifugiati politici che la attendono da anni.

 

Saremo disponibili, afferma KONDE NZITA ( PATRICK) dell’Uff. Immigrati/USB, così come abbiamo dimostrato in recenti incontri con amministratori comunali, a condividere soluzioni che diano soluzioni abitative razionali agli abitanti delle palazzine, che a loro volta dovranno essere sottratte a bieche speculazioni immobiliari, destinandole invece a servizi e residenze civili che migliorino la qualità della vita di tutte/i.

 

 

 CasaLavoroReddito

USB .Reg. Piemonte/Ufficio immigrati USB/ASIA