I lavoratori della Reggia di Venaria hanno ottenuto il Federculture

Torino -

 

 

La Confederazione Usb del Piemonte è scesa in campo nella giornata del 20 luglio 2011 per un volantinaggio di fronte al Museo Nazionale del Cinema di Torino, in occasione dell'undicesimo anniversario dell'apertura del noto museo sito all'interno della Mole Antonelliana. Alla presenza di numerose personalità politiche e del mondo della cultura (e finanza) italiana, l'USB ha rivendicato con un volantino il raggiungimento di un accordo che sancisce il passaggio dal CCNL Multiservizi al Federculture per i lavoratori della Reggia di Venaria.

Questo è il contratto che riteniamo debba essere applicato ed esteso a tutti i musei ed i luoghi di cultura della città di Torino.

 

L'Unione Sindacale di Base ritiene che fino a quando non verrà raggiunto l'obiettivo primario della re-internalizzazione di tutti i servizi in out-sourcing, il percorso, così come accaduto per la Reggia, vada intrapreso con le Committenze, affinché queste ultime predispongano capitolati d'appalto compatibili con l'applicazione del Federculture.

Nei musei e nei luoghi di cultura qui a Torino, vengono applicati i più svariati contratti, che a parità di mansioni svolte prevedono retribuzioni diversificate, alcune di queste (come nel CCNL Unci) in netto contrasto con la Legge (Art.36 L.300/70), nonché con quanto previsto dalle leggi di riferimento: “i trattamenti economici complessivi non possono essere inferiori a quelli dettati dai CCNL stipulati dai datori di lavoro e sindacati comparativamente più rappresentativi a livello nazionale nella categoria”.

L'USB ha individuato una prospettiva, che parte dalla consapevolezza dei lavoratori dei propri diritti. La direzione da seguire è quella di organizzarsi e porre la questione “Musei e luoghi di Cultura di Torino”.

L'USB proseguirà l'azione di volantinaggio in tutte le realtà museali lavorando ad un'assemblea specifica, da tenersi a breve dopo il periodo feriale a cui inviteremo a partecipare tutti i lavoratori del settore, per costruire insieme una piattaforma rivendicativa che accomuni i diritti e i bisogni dei lavoratori e che si ponga l'obiettivo dell'estensione dei risultati già raggiunti.

 

USB PIEMONTE

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni